Chi difende i caprioli?

Home/Blog/Chi difende i caprioli?

Chi difende i caprioli?

Petizione caprioli Alessandria

Su richiesta delle associazioni di agricoltori, che lamentano danni fino a 40.000 euro causati dai caprioli, il presidente della Provincia di Alessandria ha richiesto l’abbattimento straordinario di ulteriori 1000 caprioli rispetto a quelli già previsti dal piano venatorio 2017-2018 (poco meno di 1000). Noi questa la chiamiamo strage.

Ricordiamo che nella stessa legge che salvaguardia la fauna selvatica è previsto un rimborso agli agricoltori per i danni causati dai selvatici. Questo rimborso è pari a 15.000 euro spalmati in 3 anni.

Grazie alla vostra presa di posizione, alle istituzioni è arrivata la notizia che una parte dei cittadini, come noi, vogliono una soluzione alternativa agli abbattimenti. Tuttavia per ora la risposta è stata: «L’obiettivo del piano è arrivare a una soluzione che scontenti tutti il meno possibile. Il problema dei danni c’è e gli agricoltori sono esasperati e noi stiamo applicando le leggi vigenti, non possiamo certo andare oltre. Prosegue il confronto tecnico con la Regione e intorno al 15 novembre si terrà l’incontro che ho chiesto con tutti i soggetti e gli enti coinvolti per trovare una soluzione definitiva, si spera».

Tutti chi? Ancora una volta, si prospetta un incontro in cui nessuno difende i caprioli, esseri senzienti e non oggetti di cui disporre.

Il Rifugio Miletta, con l’aiuto di Animal Law Italia, cercherà di impedire che questa mattanza abbia inizio. Nel frattempo però è fondamentale raccogliere il più alto numero di firme possibili alla nostra petizione.

Come qualcuno ci ha chiesto, una petizione / raccolta firme non ha valore legale. È un’indicazione dell’opinione pubblica che, se raggiunge un volume importante, diventa una chiave di lettura interessante dell’opinione dell’elettorato, di cui un politico, se vuole essere rieletto e continuare a ricoprire la carica che gli è stata assegnata, deve tenere conto.

2017-10-31T13:52:40+00:00 Categories: Blog|Tags: , , , , |