Vieni a conoscere gli abitanti del rifugio

Un’occasione per vivere alcune ore all’aria aperta ricche di emozioni, osservando dal vivo le incredibili interazioni tra gli animali abitanti del rifugio. Alcuni di loro potrebbero decidere di venire a conoscerti e chiederti una generosa dose di grattini o carezze. Quel che succede qui ogni giorno è magico ed ha origine dalle meravigliose creature che vivono con noi. Ci regalano perle di vita che toccano in profondità la coscienza.

Ricordiamo che il Rifugio Miletta non è uno zoo né una fattoria didattica, ma un luogo in cui conoscere animali che vivono in stato di semi libertà, animali le cui specie sono sono estremamente sfruttate dalla società contemporanea e il cui sfruttamento è moralmente accettato. Ogni abitante del Rifugio Miletta è un individuo con un nome, un carattere, un passato da dimenticare ed un futuro da costruire.

Informazioni fondamentali da sapere prima di prenotare

  • La visita non è libera ma guidata, per questo è importante la puntualità. Se arriverai dopo l’orario previsto, l’intero gruppo di visitatori dovrà attendere che ti vengano nuovamente spiegate tutte le istruzioni di comportamento all’interno del rifugio.
  • Per questioni organizzative la prenotazione è obbligatoria e serve una prenotazione per ogni nucleo di persone conviventi. Due amici non conviventi dovranno effettuare due prenotazioni separate, con i dati di contatto di entrambi. Non si effettuano eccezioni. Presentandosi al rifugio al di fuori delle visite programmate, non ci sarebbe nessuno disponibile per accompagnarvi nella visita e, purtroppo, non verreste fatti entrare. Presentarsi ad una delle visite programmate senza aver prenotato potrebbe essere rischioso perché, in caso di annullamento della visita, non verreste contattati ed avvisati.
  • In caso di mal tempo la visita verrà annullata. Generalmente avvisiamo il giorno prima, in base alle previsioni meteo, via email. Assicurati che l’indirizzo email che inserisci nel modulo di prenotazione sia corretto e che la casella non sia piena. Sarebbe spiacevole farti fare un giro a vuoto.
  • La visita dura circa due ore. È possibile interrompere la visita ed andare via prima del termine, causando però disagio al gruppo poiché bisogna essere accompagnati all’uscita. Se non credi di poter avere due ore a disposizione per conoscere gli abitanti del rifugio e le loro storie, valuta di prenotare in un altro periodo
  • Non è possibile portare cani o altri animali e non si possono lasciare chiusi in auto per la durata della visita! Il parcheggio è al sole.
  • Non c’è un bagno al rifugio.
  • Suggeriamo vestiti comodi e adatti a ricevere il benvenuto fangoso di maiali e cinghiali; alcuni animali sono particolarmente affettuosi 🙂
  • Alcuni animali non amano la compagnia umana. Poiché siamo a casa loro, ti chiediamo di rispettarli non forzandoli ad interagire con te se non se la sentono. I volontari circondano il gruppo di visitatori anche per questo motivo.
  • Dopo periodi di pioggia sono fortemente consigliate calzature adatte a camminare anche su terreni fangosi. Stivali di gomma? Sì, meglio 🙂
  • È importante non staccarsi mai dal gruppo di visitatori. Non ci sono animali pericolosi, ma è obbligatorio essere sempre sotto la supervisione dei volontari.
  • Se il tuo scopo è far accarezzare degli animali ai tuoi bimbi, il Rifugio Miletta non è il posto dove portarli. Se invece il tuo intento è far conoscere ai tuoi bimbi cosa significa rispettare gli animali, allora siete i benvenuti. Il percorso purtroppo non è accessibile ai passeggini. I bimbi più piccoli, non in grado di camminare, devono essere tenuti in braccio dai genitori. I bimbi un po’ più grandi devono essere sempre e comunque accanto ai genitori poiché la visita si svolge in mezzo agli animali liberi. I genitori devono prevenire che i bimbi corrano in mezzo agli animali, potrebbero spaventarli. È inoltre vietato fare merenda all’interno del rifugio, gli animali sarebbero attirati dal cibo e si possono generare competizioni pericolose.
  • È vietato dare cibo agli animali o anche solo entrare con del cibo nel rifugio.
  • È vietato fumare nell’area del rifugio, anche all’aperto. Chi volesse fumare prima di varcare il cancello, è pregato di non gettare mozziconi per terra ma di provvedere allo smaltimento lontano dall’area, molto boschiva e popolata di animali selvatici.
  • Durante la visita NON si incontreranno gli animali selvatici in degenza o nei recinti di pre-rilascio, non devono assolutamente essere disturbati.

La visita è gratuita, tuttavia l’associazione mantiene e cura tutti gli animali salvati (e soccorre i selvatici) grazie alle donazioni delle persone che condividono i nostri valori ed il nostro operato. Una donazione, anche piccola, ci permette di continuare a donare una vita degna di essere vissuta agli animali. Ulteriori informazioni sulle donazioni.

Covid-19

  • Devi portare la tua mascherina da casa. Non potrai entrare senza mascherina.
  • Non puoi prenotare per persone non conviventi con te. Ogni persona che non convive con te che vuole partecipare alla tua stessa visita, dovrà effettuare la prenotazione in autonomia lasciando i propri dati.
  • Se lo ritieni necessario, porta dell’igienizzante per mani.
  • Durante tutta la visita, incluso anche il tempo passato fuori dal cancello nel caso in cui tu arrivi leggermente in anticipo, devi mantenere un metro di distanza interpersonale dagli altri visitatori.
  • Dopo esserci confrontati con la Questura, ci è stato comunicato che non è necessario il Green Pass per visitare il rifugio.

Prenota la visita al Rifugio

    I campi con * sono obbligatori

    Nel menù a tendina vedrai solo le date disponibili. Le date completate scompaiono automaticamente. Riceverai un'email automatica che ti confermerà la prenotazione. Se non trovi l'email, controlla anche nella cartella della "Posta indesiderata". Se non è neppure lì, potrebbe esserci stato un problema tecnico e la tua prenotazione potrebbe non essere stata registrata.







    Vieni con un gruppo di amici non conviventi? Dovete effettuare una prenotazione separata perché abbiamo bisogno dell'elenco completo dei partecipanti non conviventi.




    La visita

    Crediamo fortemente che ogni essere vivente debba condurre la sua esistenza in libertà e nel rispetto dei diritti fondamentali. La maggior parte degli abitanti del Rifugio, infatti, non vive in recinti ma condivide armoniosamente gli spazi interni ed esterni. Gli animali, non solo gli esseri umani, sono soggetti di diritti che devono essere rispettati e, per questo, ci impegniamo a combattere qualsiasi forma di sfruttamento e maltrattamento. Gli esseri umani, nel loro lungo percorso evolutivo, hanno perso, rinnegandola, la loro dimensione animale, smarrendo definitivamente il contatto con la natura e la loro identità originale.

    Per questo motivo, ci rivolgiamo con particolare attenzione ai bambini, ancora liberi da molti pregiudizi, coinvolgendoli in un percorso che mostri loro gli animali sotto l’aspetto delle singole individualità. La capra, ad esempio, non è semplicemente una capra ma è quella capra, con un nome, una propria personalità, una vita emotiva. In altre parole, è un individuo che gioisce e patisce ed è capace di coltivare relazioni specifiche. Il nostro impegno, oltre all’accoglienza e alla tutela degli animali in difficoltà, si concentra sull’obiettivo di far riscoprire ai bambini una relazione diretta, senza i filtri, con individui animali dotati di caratteri e personalità ben distinte. Questo incontro aiuterà i piccoli umani non solo a rispettare chi – appartenente a qualsiasi specie – è diverso da loro e a comprendere come le differenze possano valorizzare le loro esistenze ma anche a vivere questa relazione nel modo più ricco e completo.